Il leader dell'opposizione assassinato, Mohamed Brahmi © Samir ABDELMOUMEN/Commons
Il leader dell'opposizione assassinato, Mohamed Brahmi © Samir ABDELMOUMEN/Commons

Tunisia Giustizia per Brahmi!

Amnesty International condanna l’assassinio di Mohamed Brahmi, leader dell’opposizione tunisina. Mohamed Brahmi è stato ucciso davanti a casa sua, giovedì 25 luglio. Era il dirigente di un partito ...

Amnesty International condanna l’assassinio di Mohamed Brahmi, leader dell’opposizione tunisina.

Mohamed Brahmi è stato ucciso davanti a casa sua, giovedì 25 luglio. Era il dirigente di un partito d’opposizione di sinistra e membro dell’Assemblea nazionale costituente conosciuto per le sue critiche nei confronti di Ennahda, il partito al potere. Questo assassinio avviene a pochi mesi dall’uccisione di Chokri Belaid, un altro leader dell’opposizione, e ha spinto il Primo ministro a dare le dimissioni.

“Prendere di mira un membro dell’Assemblea nazionale costituente è un attacco allo Stato di diritto in Tunisia” ha dichiarato Hassiba Hadj Sahroui, direttrice aggiunta del programma Medio Oriente e Nord Africa di Amnesty International. ”Deve essere aperta un’indagine indipendente ed imparziale su questi due omicidi e altri attacchi a oppositori. Questa deve essere una priorità per la Tunisia.”

“Tutto questo crea un clima di impunità e aumenta le divisioni politiche. Le autorità tunisine hanno la responsabilità di proteggere tutti i cittadini dalla violenza, anche coloro che sono critici nei confronti del governo o del partito al potere. Devono inoltre agire contro le persone e i gruppi che commettono violenza, indipendentemente dalla loro affiliazione politica.”

Amnesty International chiede alle forze di sicurezza tunisine di astenersi da un impiego della forza ingiustificato o eccessivo verso chi scende per strada per protestare contro la morte di Brahmi, e di far sì che ognuno possa esprimere pacificamente e liberamente le proprie opinioni.

Oggi più che mai, proteggiamo i diritti umani

Sostengo con una donazione Oggi più che mai, proteggiamo i diritti umani