Women's March, Washington 21 gennaio 2017. © Amnesty International USA
Women's March, Washington 21 gennaio 2017. © Amnesty International USA

USA 100 giorni di amministrazione Trump, 100 minacce ai diritti umani

26 aprile 2017
“Questi primi 100 giorni mostrano quanto sia pericolosa l’agenda di Trump, e tracciano anche una road map per fermarlo e proteggere i diritti umani negli USA e nel mondo.”

All’avvicinarsi della scadenza dei primi 100 giorni dell’amministrazione del Presidente Donald Trump, Amnesty International ha stilato una lista dei 100 modi in cui l’amministrazione Trump ha tentato di minacciare i diritti umani negli USA e nel mondo – a volte con successo, altre scontrandosi con i blocchi da parte di una forte e crescente movimento di resistenza.

“Questi primi 100 giorni mostrano quanto sia pericolosa l’agenda di Trump e tracciano pure una road map per fermarlo e proteggere i diritti umani negli USA e nel mondo,” ha dichiarato Margaret Huang, direttrice esecutiva di Amnesty International USA. “Quando ci siamo messi a tavolino per documentare i primi 100 giorni non abbiamo impiegato molto tempo per identificare i 100 modi in cui questa amministrazione ha minacciato i diritti umani delle persone. Ciò che è incredibile non sono solo tutti i modi con i quali l’amministrazione Trump ha tentato di negare libertà, giustizia e uguaglianza alle persone – ad essere incredibile è anche come l’opinione pubblica si sia mobilitata per opporsi e rifiutare che tutto ciò potesse realmente accadere.”

Tra le minacce ai diritti umani dei primi 100 giorni dell’amministrazione Trump, Amnesty International elenca:

  • Misure di sorveglianza rafforzate lungo la frontiera USA-Messico che trattano le persone come criminali quando si recano negli USA alla ricerca di asilo da terribili violenze,
  • Gravi limitazioni nell’accesso alle cure nell’ambito della salute riproduttiva, negli Stati Uniti e nel mondo
  • Abrogazione di protezioni per lavoratori LGBT e studenti transgender
  • Concessione del permesso di costruzione del tracciato dell’oleodotto del Nord Dakota sotto il fiume Missouri e nei pressi della riserva sioux di Standing Rock.

La lista include anche esempi di tentativi da parte dell’amministrazione di mettere in atto politiche per violare i diritti umani che sono state in parte bloccate a causa di importanti movimenti di opposizione popolari e politici, tra i quali:

  • Molteplici tentativi di vietare a persone provenienti da paesi a maggioranza musulmana di entrare negli USA e di bloccare le ammissioni di rifugiati
  • Tentativo di reintrodurre la tortura sistematica e nuove detenzioni a Guantanamo Bay, attraverso la bozza di un ordine esecutivo
  • Un tentativo di togliere la copertura sanitaria a milioni di americani.

“Che si tratti di chiudere i nostri confini, di voltare le spalle ai rifugiati, di tentare di bandire i musulmani dagli USA o di incoraggiare coloro che violano i diritti umani nel mondo, il Presidente Trump sembra intenzionato a riattizzare i conflitti al di fuori dei confini degli Stati Uniti mentre sbatte la porta in faccia a coloro che fuggono dalla violenza,” ha dichiarato Huang. “Abbiamo imparato che quando uniamo le forze e reagiamo, allora possiamo fare la differenza. La minaccia ai diritti umani da parte dell’amministrazione Trump rimane – come pure la determinazione nel combatterla.”

Oggi più che mai, proteggiamo i diritti umani

Sostengo con una donazione Oggi più che mai, proteggiamo i diritti umani